Le Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 saranno ricordate per molte cose: la Russia che ha preso una delle squalifiche più pesanti nella storia delle atletica, infatti la IAAF , ovvero l’ente supremo che gestisce l’atletica a livello internazionale ha bandito dai giochi tutta la federazione Russa, accusandola di doping di Stato. Una tra le superstar russe, la Sharapova, trovata positiva a un controllo antidoping.

Un altro motivo per ricordare queste olimpiadi sono i protagonisti, talvolta inaspettati come il campione mondiale di carabina Italiano, le nostre ragazze del tiro con l’arco oppure i vice campioni olimpici del Beach Volley.

Di sicuro ci sono state molte note positive, l’organizzazione andata piuttosto bene dei Giochi, anche se in un contento molto complicato, come quello del Brasile, completamente spaccato in due dove da un lato turisti, mare, soldi dall’altro Favelas, povertà e malattie.

Altre invece un po’ meno, come l’acqua verde della piscina dei tuffi, dove la nostra Cagnotto ha fatto uno storico secondo posto, oppure il “ simpatico “ direttore del giornale che non avendo niente di meglio da fare, in una calda serata estiva ha dato delle “ cicciotelle” a tutto il team olimpico femminile del tiro con l’arco; si potrebbe pensare che stava cercando un modo per farsi licenziare, riuscendoci con discreti risultati.

Purtroppo ci sono state anche delusioni sportive, come il nuoto: tante promesse e declami per poi fallire miseramente, dove purtroppo la Pellegrini si è distinta, ma non in piscina; infatti sui social è sempre rimasta molto attiva insultando avventori che osavano criticare le scelte di una persone che, ahimè, rappresentava l’Italia in quel momento. Stessa sorte è toccata ai nostri pugili, più intenti a fare proclami per la prossima stagione dei reality, vedi Clemente Russo, quasi imbarazzante l’annuncio della sua partecipazione al Grande Fratello Vip, considerando che bisogna farsi largo tra tante difficoltà nella boxe, uscirsene così non è sembrato esattamente rispettoso verso chi, sta ancora lavorando duro.

Poi ci sono state scene un po’ comiche, visto da fuori, come l’atleta Mongolo che alla fine del match per ottenere una medaglia olimpica nella lotta libera, si è visto completamente ribaltare il risultato dai giudici e dopo essere “impazzito “ il suo stesso allenatore, si completamente denudato davanti non solo ai giudici ma tutti gli spettatori presenti e paganti, rimanendo solo in mutande. Un’altra situazione comica è stata quella della nuotatrice Koreana quando ha scoperto dalla giornalista sua connazionale durante l’intervista a bordo piscina, di essere medagliata oltre che di aver fatto un super tempo, che non aveva mai raggiunto durante la stagione.

Le conferme non sono mancate, infatti Bolt, ha vinto ancora ori su ori e con un po’ di malinconia lascia senza eredità il trono da numero uno al mondo nella corsa di velocità. Davvero ora fa parte tra i più grandi atleti di tutti i tempi.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *